Iler Melioli

“Memoria digitale di un paesaggio estivo”, 2016

Poliacrilici su pvc, cm 50x50x2

Iler Melioli

“Memoria digitale di un paesaggio estivo”, 2016
Poliacrilici su pvc, cm 50×50

Lettura dell’opera

Guarda il video dell’analisi di quest’opera d’arte

[trascrizione testo del video]

L’opera è una presenza che va sempre oltre la semplice presenza.

MEMORIA DIGITALE DI UN PAESAGGIO ESTIVO di Iler Melioli è un’opera neo minimalista. Misura 50x50x2 cm di profondità ed è realizzata con pittura in poliacrilici su un supporto in pvc.
È un quadrato, nudo e leggero come peso.

Gli elementi geometrici che la compongono sono campi di colore che creano la profondità dell’opera attraverso strati che vanno dal giallo sullo sfondo al viola in primo piano.
Gli elementi pittorici sconfinano il quadro e continuano sul bordo creando una dilatazione visiva che si estende nello spazio cosicché pur non essendo questa un’opera di grandi dimensioni, ben si adatta a pareti estese.

Il titolo dell’opera MEMORIA DIGITALE DI UN PAESAGGIO ESTIVO ci invita e ci aiuta a leggere oltre. Infatti pur derivando la forma geometrica dai pixel delle immagini digitali, i colori mantengono il ricordo degli elementi naturali di un paesaggio assolato. Un cielo azzurro e un fiume che scorre ci ricordano la condizione sensoriale della nostra contemporaneità che il filosofo Luciano Floridi ha definito Onlife, dove mondo reale e virtuale coesistono in una naturale compenetrazione.

I segni viola in primo piano delimitano delle porzioni di spazio e accentuano l’importanza della dimensione bi e tri dimensionale dell’opera. L’artista infatti realizza anche sculture che si pongono in relazione con il quadro e con lo spazio circostante andando oltre l’estensione che in questo quadro ci appare visivamente e dando vita a opere site specific che possono occupare un’intera stanza.

La materia utilizzata da Melioli, in anni di sperimentazione, è sempre legata alle ultime ricerche del mondo industriale: il pvc resistente e leggero adatto a sopportare trattamenti ad alta temperatura, i colori industriali anti UV, la finitura trasparente del quadro realizzata nei forni per le carrozzerie delle auto. Abbiamo quindi un oggetto rifinito e resistente ai graffi e a tutte le condizioni climatiche, un’opera stabile e inalterabile nel tempo – elemento essenziale per mantenere invariati i colori negli anni.

Stiamo osservando un quadro geometrico rigoroso, realizzato con colori freddi e tecniche industriali avanzate (elementi della Neo Geo ), eppure l’opera di Melioli appare con una rara morbidezza e vibrazione sia alla vista che al tatto.

L’aspetto sensibile prevale sul rigore geometrico.

[trascrizione testo del video] L’opera è una presenza che va sempre oltre la semplice presenza

Gli elementi geometrici che la compongono sono campi di colore che creano la profondità dell’opera attraverso strati che vanno dal giallo sullo sfondo al viola in primo piano.

Espandi per leggere tutta la trascrizione del testo del video

L’opera è una presenza che va sempre oltre la semplice presenza.

MEMORIA DIGITALE DI UN PAESAGGIO ESTIVO di Iler Melioli è un’opera neo minimalista. Misura 50x50x2 cm di profondità ed è realizzata con pittura in poliacrilici su un supporto in pvc.
È un quadrato, nudo e leggero come peso.

Gli elementi geometrici che la compongono sono campi di colore che creano la profondità dell’opera attraverso strati che vanno dal giallo sullo sfondo al viola in primo piano.
Gli elementi pittorici sconfinano il quadro e continuano sul bordo creando una dilatazione visiva che si estende nello spazio cosicché pur non essendo questa un’opera di grandi dimensioni, ben si adatta a pareti estese.

Il titolo dell’opera MEMORIA DIGITALE DI UN PAESAGGIO ESTIVO ci invita e ci aiuta a leggere oltre. Infatti pur derivando la forma geometrica dai pixel delle immagini digitali, i colori mantengono il ricordo degli elementi naturali di un paesaggio assolato. Un cielo azzurro e un fiume che scorre ci ricordano la condizione sensoriale della nostra contemporaneità che il filosofo Luciano Floridi ha definito Onlife, dove mondo reale e virtuale coesistono in una naturale compenetrazione.

I segni viola in primo piano delimitano delle porzioni di spazio e accentuano l’importanza della dimensione bi e tri dimensionale dell’opera. L’artista infatti realizza anche sculture che si pongono in relazione con il quadro e con lo spazio circostante andando oltre l’estensione che in questo quadro ci appare visivamente e dando vita a opere site specific che possono occupare un’intera stanza.

La materia utilizzata da Melioli, in anni di sperimentazione, è sempre legata alle ultime ricerche del mondo industriale: il pvc resistente e leggero adatto a sopportare trattamenti ad alta temperatura, i colori industriali anti UV, la finitura trasparente del quadro realizzata nei forni per le carrozzerie delle auto. Abbiamo quindi un oggetto rifinito e resistente ai graffi e a tutte le condizioni climatiche, un’opera stabile e inalterabile nel tempo – elemento essenziale per mantenere invariati i colori negli anni.

Stiamo osservando un quadro geometrico rigoroso, realizzato con colori freddi e tecniche industriali avanzate (elementi della Neo Geo ), eppure l’opera di Melioli appare con una rara morbidezza e vibrazione sia alla vista che al tatto.

L’aspetto sensibile prevale sul rigore geometrico.

Ricerca dell’artista

Ambito artistico

Neo minimalismo

Il neo minimalismo è un’area di tendenza nata negli Stati Uniti e sviluppatasi contemporaneamente anche in EU. Si tratta di artisti che pur mantenendo l’essenzialità della forma, abbandonano l’autoreferenzialità del segno e spesso colore, luce e “gioco” nella propria ricerca.

Altri esponenti del Neo minimalismo

Osserva qui le opere di altri artisti neo minimalisti: Günter Förg, John Armleder, Peter Halley, e in Italia Stefano Arienti, Vittorio Corsini.

Il collezionista

Painting srl sostiene progetti culturali che mettono in relazione il pubblico con l’arte contemporanea e promuovono la ricerca artistica italiana. Conosciamo in questa breve intervista il suo appassionato imprenditore Fabio Gandolfini che annovera nella sua collezione diverse opere di Iler Melioli, sia pitture che sculture.

Sostegno economico della ricerca artistica tra soddisfazione e ritorno d’immagine. Cosa suggeriresti agli imprenditori? Avvicinarsi agli artisti obbliga a valutare prospettive nuove per chi opera in campo industriale. Comprendere i messaggi e sostenere la ricerca degli artisti è come guardare avanti. Il ritorno è soprattutto il sentirsi d’appoggio a idee innovative e legare sé ed il proprio Marchio alla cultura e quindi al futuro.

L’arte migliora la vita? Sono gli artisti che ringraziano te o tu loro? Credo che da sempre l’arte abbia migliorato la vita dell’uomo: è espressione intima, che è necessaria sia per sé che come punto d’incontro con gli altri. Per questo spesso con gli artisti si crea naturalmente un rapporto quasi di amicizia: niente ringraziamenti ma complicità e condivisione.

Da dove nasce la tua sensibilità per l’arte contemporanea? Probabilmente la sensibilità è una proprietà caratteriale. Di sicuro la si rafforza con la pratica e la si affina: è un esercizio di apertura mentale. Mi sono avvicinato a questo mondo grazie ad alcuni conoscenti del settore con i quali si è instaurato un buon feeling e poi ho proseguito con la famiglia cercando di dare le giuste priorità.

Cosa pensi del riconoscimento dell’arte come investimento economico? Non vedo come l’arte non debba di diritto essere riconosciuta come investimento. Le maggiori organizzazioni mondiali, le istituzioni, i governi, le personalità influenti e le autorità religiose investono e hanno tratto beneficio dall’arte. Ognuno di noi dovrebbe considerare questo investimento, con le giuste proporzioni. E’ importante non seguire solo il proprio istinto ma appoggiarsi a professionisti seri che capiscano come soddisfare prima il nostro gusto e poi il nostro impegno e ritorno economico.

Testi critici

Riccardo Caldura, 2016, Res Extensa  – Galleria Yvonneartecontemporanea Palazzo Iseppo da Porto Vicenza

    …..Se concepita per sovrapposizione di piani trasparenti, la cosa estesa di Melioli si presenta come una flatlandia che ricorda le rappresentazioni, rigorosamente flat, di mappe urbane, oppure l’ubiquitario sistema dei cablaggi e delle condutture che scorrono sotto la superficie di pareti e strade, nonché la visione zenitale di una scheda madre e, infine, la stessa rete delle reti…..

Claudio Cerritelli, 2013, Giardini pensili – Galleria R.Cortina Milano

 …..L’operazione concettuale di Melioli spinge pittura e scultura a confrontarsi con la mutazione del contesto ambientale, a riflettere sul cosiddetto iperspazio telematico che va sostituendosi alle percezioni soggettive dei luoghi, spazi virtuali dominati dalla tecnologia che s’interpone tra uomo e natura…….

Renato Barilli, 2005, Civici Musei, Reggio Emilia

….Il suo linguaggio attinge risorse dal calcolo numerico, dal mondo delle scienze fisiche e matematiche, evidenziando le correlazioni possibili tra sistemi concettuali e fenomeni naturali. In fondo la “pittura” di Melioli non è certo un passo indietro, verso traguardi più tranquilli e sicuri, ma piuttosto un passo avanti, a inquietare nuove dimensioni dello spazio, della materia, del pensiero.

Luigi Meneghelli, 1994, Galleria d’Arte Moderna, Bologna

…..i solidi lineari che Melioli realizza su grandiose scale dimensionali (quasi figure oracolari o araldiche) evidenziano sempre come dei movimenti turbati, irregolari, come delle traiettorie lacunose. Ma non è l’opera che viene meno (che non si compie); è piuttosto l’opera che progetta, che disegna una inedita misura dello spazio. Uno spazio da cui non viene risucchiata, ma uno spazio su cui essa agisce, uno spazio che essa apre.

Severo Sarduy, 1985, Civici Musei Reggio Emilia

….Rimane anche, come in diacronica sequenza, come attenuata e attivata per una camera d’eco, velata, letta ancora, quella ellisse, nella pittura riflessiva e lucida di Melioli: un barocco ridefinito, versato nei termini di oggi, sempre ricominciato.

Iler Melioli, ritratto

Iler Melioli

Scultura, pittura, installazione, assemblati

Reggio Emilia 1949. Esponente della generazione artistica affermatasi negli anni ’90, ha orientato il suo lavoro verso l’essenzialità di configurazioni geometriche ordinative del linguaggio visivo.

Qualità tecnica

L’opera e la sua conservazione

La qualità tecnica è un elemento fondante della poetica di Melioli, “l’opera deve essere incorruttibile” sostiene l’artista.

Materiali utilizzati

  • Supporto in pvc leggero e resistente
  • La superficie è lavabile.
  • I colori poliacrilici sono stabili nel tempo, sperimentati dalle migliori tecnologie industriali.
  • Finitura a caldo preziosa e setosa al tatto.

Certificazioni

Il valore di quest’opera è certificato da:

L’artista gestisce personalmente l’archivio dove sono registrate tutte le autentiche con foto delle opere prodotte.

Sfiora le immagini qui sotto.

  • Iler Melioli, Autentica

    Autentica

    Autentica dell’artista con numero di archivio.

  • Iler Melioli, retro dell'opera con firma e timbro

    Firma

    Firma dell’artista sul retro dell’opera.

Logistica

Imballo

L’imballo dell’opera è realizzato dall’artista e su richiesta può essere consegnata con cassa in legno per permettere un’ottima conservazione se non venisse esposta e garantire nel tempo trasporti in sicurezza.

Spedizione

Puoi ritirare l’opera direttamente dall’artista, richiedere la consegna a mano (solo nel Nord Italia) o la spedizione con corriere specializzato per trasporti d’arte per tutti gli altri luoghi (costo a preventivo extra).

Dimensione e peso

La cassa con l’opera misura cm 55 x 55 x 5 e pesa 4 kg circa.

Allestimento e personalizzazione

Qualche consiglio per installare l’opera e valorizzare al massimo il tuo ambiente

  1. L’opera è pronta per essere appesa, è sufficiente un chiodo a muro aggettante 1 cm circa.
  2. Una volta appesa, il chiodo non è visibile e l’opera risulta aderente al muro.
  3. Ti consiglio di appendere l’opera ad una altezza occhi di cm 160 (centro del quadro), altre altezze possono essere valutate in base agli arredi esistenti.
  4. Ti consiglio una luce naturale proveniente dalle finestre. In caso di luce artificiale: usa toni freddi. Meglio lampade schermate o luce riflessa da altra parete o dal soffitto.

Dubbi su come quest’opera possa integrarsi nel tuo spazio? Inviami una foto e le misure del tuo ambiente per ricevere una collocazione personalizzata e sciogliere ogni perplessità!

Base (B): 50 cm
Altezza (H): 50 cm
Altezza da terra (T): 185 cm

Quotazioni

Le opere di Iler Melioli sono tutti pezzi unici

Sculture in acciaio inox, opere su tela, su pvc o su carta. Tra queste proposte puoi trovare il range di investimento a cui avevi pensato.

La trasparenza per noi è fondamentale, pertanto l’acquisto dell’opera avviene direttamente dall’artista in base alla sua quotazione di mercato.

Perché acquistare quest’opera:

  • Acquisto diretto dall’artista senza intermediazioni
  • Investimento culturale di alto profilo
  • Assistenza dell’Associazione Culturale YARC
  • Completa trasparenza della documentazione
  • Artista storicizzato in Anni’90 da Renato Barilli, autorevole storico dell’arte
  • Spedizione veloce e sicura
  • Assicurazione da chiodo a chiodo
  • Se non sei soddisfatto hai 10 giorni per restituire l’opera

Già immagini quest’opera unica nella tua collezione?

Scrivimi e sarà presto tua!

L’associazione culturale YARC sostiene questa rubrica per garantire la serietà degli acquisti d’arte contemporanea italiana di alta ricerca. Leggere l’opera in modo autonomo e acquistare con consapevolezza è possibile, quindi utilizza questo modulo per mandarci le tue richieste.

Compila il modulo con i tuoi dati per…

  • Dialogare o incontrare Iler Melioli

  • Vedere l'opera dal vivo

  • Conoscere la quotazione dell'opera

  • Richiedere una consulenza

  • Chiedere qualsiasi informazione

 

Invia messaggio

Vuoi condividere la tua opinione su quest’opera?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post